K-ETA: autorizzazione per l’ingresso in Corea senza visto

Tempo di lettura: 3 minuti

Attenzione: dal 1° aprile 2023 è stato revocato l’obbligo di richiesta del K-ETA per i cittadini italiani e altre nazionalità. Per informazioni aggiornate a riguardo ti consigliamo di visitare il sito ufficiale del Governo coreano qui.

Dal 3 maggio 2021 è stata introdotta una nuova procedura d’ingresso in Corea, che prevede un iter diverso rispetto a quello a cui siamo stati abituati fino a prima del blocco delle frontiere. Per soggiorni brevi fino a 90 giorni bisognerà richiedere il K-ETA. Dal 1° settembre questa procedura vale anche per gli italiani. Vediamo bene di cosa si tratta.

Che cos’è il K-ETA

K-ETA, acronimo di Korea Electronic Travel Authorization, è un’autorizzazione online che permette di entrare in Corea per scopi turistici, di viaggio e di studio. Per ottenerla è necessario comunicare tramite il modulo apposito le proprie informazioni personali quali nome completo, nazionalità, data di nascita, informazioni di contatto, occupazione, numero di passaporto e scadenza, scopo del viaggio, eventuali ingressi in Corea precedenti questo viaggio e indirizzo di soggiorno nel paese, allegando anche una propria foto.

Questo processo serve ad accorciare i tempi durante gli ingressi in aeroporto (non ci sarà più da compilare all’arrivo la “Arrival card” con le proprie informazioni) e allo stesso tempo permette all’ufficio immigrazione coreano di tenere meglio sotto controllo i dati degli ingressi. Se hai già visitato gli Stati Uniti, troverai questo procedimento molto simile a quello per la richiesta dell’ESTA, l’autorizzazione online necessaria per entrare negli USA.

Trovi maggiori dettagli sui requisiti d’ingresso dall’Italia alla Corea sul sito dell’ambasciata coreana in Italia.

Cos'è il K-ETA
www.k-eta.go.kr

Come si ottiene il K-ETA

Per ottenere il K-ETA è necessario farne richiesta sul sito www.k-eta.go.kr fino a 72 ore prima dalla partenza, periodo necessario per l’elaborazione. È quindi consigliabile muoversi un po’ in anticipo, tenendo conto che il K-ETA resta poi valido per 2 anni dalla data di approvazione. Tuttavia, l’approvazione del K-ETA non garantisce l’ingresso nel paese, cosa che sarà decisa previa verifica dall’ufficio immigrazione all’arrivo in aeroporto. Infatti, nel caso in cui le informazioni inserite al momento della richiesta risultino errate, potrebbero essere applicate penali o restrizioni.

A questo proposito, è bene tenere a mente che anche se il proprio K-ETA non è ancora scaduto ma le proprie informazioni personali sono cambiate, sarà necessario effettuare una nuova richiesta. Nel caso si tratti di informazioni relative al proprio soggiorno (come l’indirizzo in cui si soggiornerà una volta in Corea), è invece possibile aggiornarle tramite il sito nella sezione eArrival Card.

Il costo del K-ETA è al momento pari a 10,000 won (circa 7-8 euro) e non è rimborsabile, neanche in caso di autorizzazione negata. È inoltre possibile fare richiesta per sé e per altre persone nello stesso momento ed effettuare il pagamento una sola volta per tutti, fino a un massimo di 30 persone.

Riassumendo…

Ricapitolando, per entrare in Corea non basterà più il solo passaporto come era prima della pandemia, ma sarà necessario richiedere online l’autorizzazione K-ETA entro 72 ore dalla partenza, inserendo le informazioni richieste ed effettuando un pagamento di 10 mila won. Entro 72 ore, sullo stesso sito sarà possibile visualizzare il risultato della richiesta ed eventualmente stamparlo. Il K-ETA permette di soggiornare in Corea fino a 90 giorni per turismo e per motivi lavorativi a breve termine.

Per lavorare a tempo pieno, invece, sarà necessario richiedere in ambasciata un visto apposito, e la stessa cosa vale per motivi di studio superiori ai 90 giorni.

Per altre informazioni, continua a seguire il blog di Go! Go! Hanguk e non esitare a contattarci per vivere e studiare in Corea.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Go! Go! Hanguk

Ricerca di articoli

Articoli Correlati

Cucina Coreana
Vivere in Corea
Vivere in Corea

Go! Go! HANGUK Blog

Articoli Correlati

“Piccante e rosso”: questi sono i commenti chiave quando si parla di cibo coreano. Per via dei suoi condimenti e del metodo di cottura, il cibo coreano sembra essere rosso e spesso suggerisce che sia piccante. Ma questo non è vero al 100%. Sapevi che esistono molti altri tipi di cibo coreano non piccante? Di...
A livello internazionale chiamiamo palestre i luoghi dove allenarsi, ma i coreani si riferiscono alle palestre private come Helseujang (헬스장) o Helseukeulleob (헬스클럽), che si traduce essenzialmente come “Centro benessere“. Essendo un luogo per tenersi in forma e condurre uno stile di vita sano, andare in palestra in Corea è in qualche modo simile a...
Nel momento in cui scegli quale corso di lingua è adatto a te, può essere difficile capire quale posizione sia la migliore per soddisfare le tue esigenze. In questo articolo ti spieghiamo com’è essere studente di lingua della Sejong University. Campus della Sejong University Sejong University è un’università privata con sede a Seoul nel distretto...
Busan, seconda città più grande della Corea del Sud, è una meta molto popolare, grazie alle sue fantastiche attrattive lungo la costa. In questa guida, esploreremo alcune delle cose più interessanti da fare a Busan. 5 cose da fare a Busan oltre al festival del cinema Anche se negli ultimi anni Busan è diventata famosa per...
Kakao, il grande conglomerato di internet (재벌, chaebol), è nato dalla fusione di Daum Corporation e KakaoTalk nel 2014. Insieme a Naver, Kakao è una delle aziende più importanti della Corea e le sue attività principali si concentrano sulle applicazioni mobili e sui servizi basati su Internet. Scopriamone di più sulle app di Kakao. Perché...

Contattaci

Qualsiasi domanda? Siamo qui per aiutare