Impariamo i tre livelli di cortesia in coreano

Tempo di lettura: 4 minuti
Livelli di cortesia in coreano

Un argomento grammaticale abbastanza ostico per chi impara coreano riguarda i livelli di cortesia. In questo articolo vedremo le caratteristiche dei vari livelli di cortesia in coreano, come si formano e quando si utilizzano.

Quali sono i livelli di cortesia in coreano?

Se in italiano abbiamo soltanto i registri formale e informale, abbiamo invece tre livelli di cortesia in coreano: informale (반말, banmal), formale (존댓말, jondaetmal) e onorifico (높인말, nopimmal). Non solo, ma il livello formale in coreano è utilizzato molto di più rispetto a quanto non lo facciamo noi. Per esempio, due giovani coetanei che si incontrano per la prima volta, se parlassero in italiano si darebbero direttamente del tu, utilizzando quindi un registro informale. In coreano, invece, è necessario utilizzare il registro formale, altrimenti si risulterebbe scortesi. Vediamo come distinguere questi tre livelli di cortesia in coreano.

Livelli di cortesia in coreano

Coreano informale

Il primo dei livelli di cortesia in coreano che vogliamo introdurre è il linguaggio informale chiamato 반말 (banmal). Questo registro linguistico è utilizzato tra amici, familiari con cui si è in confidenza e con persone di livello gerarchicamente più basso. Per esempio, un adulto con un bambino userà sempre il banmal. Allo stesso modo, sul lavoro un superiore userà molto probabilmente il banmal con i suoi sottoposti, ma non viceversa.

Parlare in banmal corrisponde in un certo senso a dare del tu in italiano, ma bisogna tenere bene in considerazione che viene utilizzato molto meno di frequente. Mostrare rispetto all’interlocutore attraverso la lingua è infatti molto importante per i coreani e se non lo si fa si potrebbe risultare molto scortesi, offendendo la persona con cui si sta parlando. Se hai dei dubbi, è sempre meglio quindi utilizzare un registro più alto e passare dopo a quello più basso invece che il contrario.

Il banmal si identifica dal modo in cui si coniugano i verbi e al presente dell’indicativo si forma in maniera davvero molto semplice. Basta prendere il verbo all’infinito e togliere la desinenza – (da). Se la radice termina già per vocale (eccetto ㅡ), il nostro verbo è già pronto e coniugato (per esempio 가다, andare, diventa 가). Se invece la radice termina per consonante o ㅡ, si dovrà aggiungere una sillaba formata da consonante muta + vocale ㅓ se la vocale presente nella radice è ㅓ, ㅣ o ㅜ. Se la vocale della radice è ㅏ o ㅗ, si dovrà aggiungere una sillaba conㅏ (per esempio, 먹다, mangiare, diventa 먹어; 아프다, fare male, diventa 아파).

Scarpe in un corridoio - Livelli di cortesia in coreano

Coreano formale

Il registro linguistico formale è chiamato 존댓말 (jondaetmal) ed è la forma più utilizzata. Si usa con tutte le persone con cui non si ha molta confidenza, che siano amici appena conosciuti, commessi del negozio, insegnanti, genitori di conoscenti, eccetera. Si forma allo stesso modo del banmal, con la differenza che viene sempre aggiunta la desinenza finale -요 (yo). Quindi, riprendendo gli esempi di prima, mangiare, 먹다, sarà 먹어요; fare male, 아프다, sarà 아파요; andare, 가다, sarà 가요.

Il jondaetmal presenta però anche una variante verbale un po’ più formale. Si tratta della forma in -습니다 (seumnida), che viene utilizzata principalmente in ambito lavorativo quando si fanno delle presentazioni. Per coniugare i verbi in questa forma, si unisce semplicemente la radice dei verbi che termina per consonante alla desinenza -습니다, mentre se la radice termina per vocale (inclusa ㅡ), si aggiunge soltanto -ㅂ니다. Utilizzando gli stessi verbi degli esempi precedenti, avremo quindi 먹습니다, 갑니다 e 아픕니다.

Utilizzando il registro formale, cambiano anche i pronomi personali di prima e seconda persona. In banmal, infatti, io e tu si dicono rispettivamente 나 (na) e 너 (no), mentre in jondaetmal la prima persona diventa 저 (jeo) e la seconda persona non esiste. Sarebbe infatti maleducato rivolgersi direttamente all’interlocutore con un pronome e quindi, invece di dire “tu”, si utilizza il nome o il titolo dell’interlocutore. Allo stesso modo, la prima persona plurale in banmal, 우리 (uri), diventa 저희 (jeohi) in jondaetmal, mentre la seconda persona plurale 너희 (neohi) scompare, sostituita dai nomi o dai titoli degli interlocutori oppure da 여러분 (yeoreobun), che letteralmente vuol dire “molte persone” e si utilizza quando ci si sta rivolgendo a un gruppo.

Coreano onorifico

Esiste infine un registro onorifico, detto 높인말 (nopimmal), che prevede l’utilizzo delle desinenze tipiche del jondaetmal e di varianti di lessico. Esistono infatti alcuni vocaboli che presentano più forme e a seconda del livello di rispetto che bisogna dimostrare, si sceglie una determinata forma. Non solo, ma il nopimmal prevede anche delle particelle da inserire tra la radice e la desinenza del verbo, con lo scopo di mostrare maggiore rispetto.

Il registro onorifico nopimmal si utilizza quando si vuole mostrare molto rispetto a una persona, non solo quando si sta parlando con essa, ma anche quando se ne sta parlando con altri. Il nopimmal è il più peculiare dei livelli di cortesia in coreano poiché dimostra quanto questa società sia legata ai principi del confucianesimo, alla gerarchia e al rispetto. Se vuoi approfondire, ti consigliamo di leggere anche il nostro articolo Linguaggio onorifico coreano: cos’è e quando si utilizza.

Impara il coreano con Go! Go! Hanguk

Se vuoi imparare a usare i livelli di cortesia in coreano come un madrelingua, vieni a studiare in Corea con Go! Go! Hanguk. Ci sono corsi di lingua per tutti i livelli, dai principianti a chi vuole approfondire lo studio a livello avanzato. Visita la pagina delle nostre scuole per informazioni oppure contattaci.

Se non puoi andare a studiare in Corea, ci sono i nostri corsi di coreano online. Trovi corsi per principianti o per livelli intermedi. Clicca qui per vedere tutti i corsi.

Speriamo che questo articolo sulle caratteristiche principali dei livelli di cortesia in coreano ti sia piaciuto. Per altre informazioni su lingua e cultura coreana, continua a seguire il blog di Go! Go! Hanguk e non esitare a contattarci per vivere e studiare in Corea.

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Go! Go! Hanguk

Ricerca di articoli

Articoli Correlati

Vivere in Corea
Vivere in Corea
Cultura Coreana

Go! Go! HANGUK Blog

Articoli Correlati

Busan, seconda città più grande della Corea del Sud, è una meta molto popolare, grazie alle sue fantastiche attrattive lungo la costa. In questa guida, esploreremo alcune delle cose più interessanti da fare a Busan. 5 cose da fare a Busan oltre al festival del cinema Anche se negli ultimi anni Busan è diventata famosa per...
Kakao, il grande conglomerato di internet (재벌, chaebol), è nato dalla fusione di Daum Corporation e KakaoTalk nel 2014. Insieme a Naver, Kakao è una delle aziende più importanti della Corea e le sue attività principali si concentrano sulle applicazioni mobili e sui servizi basati su Internet. Scopriamone di più sulle app di Kakao. Perché...
Heading to Noraebang in Korea is one of the must-do activities when you’re in the country! A well-loved get-together entertainment choice among Koreans as well as tourists. Whether you wish to experience Korean culture while spending a great time with your friends or looking to sing your heart out, Noraebang is the way to go!...
Secondo i dati di Forbes, a febbraio 2024 la Corea del Sud figura tra i 10 luoghi migliori dove studiare all’estero. Influenzati dalla popolarità della cultura Hallyu (한류, onda coreana) e del sistema educativo coreano, il nostro team di Go! Go! Hanguk ha notato un aumento dell’interesse a studiare e vivere in Corea. Sebbene ci...
La zona di Kondae a Seoul è un quartiere universitario molto frequentato da giovani e famoso per lo shopping e la vita notturna. Vediamo ora quali sono le 10 migliori cose da fare a Kondae! 10 cose da fare a Kondae se studierai coreano alla Konkuk University Il quartiere di Kondae prende il nome dalla...

Contattaci

Qualsiasi domanda? Siamo qui per aiutare